CARTA DA PARATI ATMOSFERE D'INTERNI
carta da parati 
AMBIENTI ARMONIOSI
 
Rivestire le pareti con la Carta da Parati è una scelta che può dare molte soddisfazioni,  è un modo per armonizzare l'ambiente, per arricchirlo, creando nuove percezioni degli spazi. Ma che cosa è esattamente la carta da parati?  Qual'è la sua storia, quali sono i materiali, da dove viene e dove va? Vediamo di approfondire...
 
UN ANTICA SAPIENZA NEL DECORO
La storia della CARTA DA PARATI ha origini molto antiche e fonda le sue radici  in due distinte arti, quella del decoro e della stampa. La carta nasce in Oriente, esattamente in Cina, oltre duemila anni fa ed è qui che diventa anche motivo ornamentale. Le prime carte da parati erano realizzate a mano, mediante disegni e pitture eseguiti su carta di riso. Successivamente quest'arte si espande in Europa e poi in America.
 
Le prime tracce in Occidente risalgono tra il 1400 e il 1500. I primi esemplari ritrovati sono dello stampatore inglese Hugo Goes e risalgono al 1509. I suoi fogli di carta stampata con fiori,venivano utilizzati per rivestire scatole, armadi e pareti.  Nel 1600  l’olandese Herman Schinkel realizzava fogli decorati con fiocchetti di lana tinteggiati sparsi su carta precedentemente decorata con disegni colorati.
 
Inghilterra, Italia e Francia sono le maggiori consumatrici, tanto che attorno al 1700 si comincia a sviluppare una produzione interna e la regina Anna nel 1712  indroduce una tassa per beni di lusso sulla carta da parati. I produttori quindi, decidono di realizzare la carta da parati con i disegni in bianco e nero, che vengono colorate successivamente, dopo l’applicazione su parete.  All'inizio i motivi decorativi venivano incisi su formelle di legno, poi stampati su carta con la tecnica a stencil. Con l'avvento dell'industria nascono le prime fabbriche europee,  le formelle diventano rulli che stampavano su rotoli continui.  I soggetti più amati sono vedute, paesaggi, scene di esterni e motivi floreali, successivavente si aggiungono damaschi e geometrici.  
 
La carta da parati di alta qualità fabbricata in Cina era riservata a pochi, perchè molto costosa. Ancora oggi però può essere ammirata nelle stanze del Palazzo Nymphenburg, il Palazzo Łazienki, la Chatsworth House, il Temple Newsam, il Castello di Broughton, la Lissan House e l'Erddig. 
 
carta da parati cinese 1000
 
 
 
LA CARTA DA PARATI NEL RINASCIMENTO
La carta da parati, con la tecnica della stampa su legno, risale nell'Europa del Rinascimento e diventa di moda  tra i nobili emergenti. L'élite appende grandi arazzi ai muri, come nel  Medioevo, sia per abbellire che per isolare le pareti. Gli arazzi però erano molto costosi, non erano in tanti coloro che potevano permetterseli, per cui si comincia ad utilizzare la tappezzeria murale in tessuto o in carta da parati. 
 
LA PRIMA GRANDE OPERA
Albrecht Dürer realizzava carte da parati già nel 1500.  La sua più grande opera è l'arco di trionfo completato nel 1515. Misura 3.57 di altezza per 2,95 metri di larghezza, era composto da 192 fogli. Il suo capolavoro fu stampato in una prima edizione di 700 copie, destinate ad essere appese all'interno di palazzi e municipi.  La storia racconta che, nella primavera del 1512, l'imperatore del Sacro Romano Impero Massimiliano I d'Asburgo si era fermato a Norimberga, per  oltre due mesi, lì aveva conosciuto Dürer. Da questo incontro l'artista prese lo spunto per celebrare l'imperatore e il suo casato, concependo la gigantesca xilografia, di un grande Arco trionfale, su cui sono illustrate storie della vita di Massimiliano e dei suoi antenati e complesse figurazioni allegoriche. La straordinaria impresa venne ricompensata all'artista con un beneficio annuo di cento fiorini, che doveva essere corrisposto dalla municipalità di Norimberga. Oggi alcune copie sono conservate nel Germanisches Nationalmuseum di Norimberga.
 
Albrecht Dürer The Triumphal Arch of Maximilian 1000
 
 
LA TAPPEZZERIA MURALE MEL 1700
Nel 1712 l'Inghilterra era tra le maggiori produttrici di carte da parati. La Francia e l'Italia comunque non erano da meno, con il loro indiscusso gusto e amore per l'arte, queste tre nazioni furono le più importanti del settore. La moda della tappezzeria, a Parigi sbocciò a causa dell'ambasciatore britannico, che nel 1748 decorò il suo salone con carta da parati blu (foto sotto) e tutti i nobili dell'epoca la vollero nelle loro magioni. 
 
Il francese Jean-Baptiste Réveillon nel 1753 iniziò a importare carte da parati dall'Inghilterra, comprendendo la grande espansione che avrebbe avuto. Sette anni dopo inizia una sua produzione, utilizzando il talento della moglie e le scoperte sui colori di Jean-Baptiste Pillement. Ingaggia dei designers e impianta la produzione nella villa di residenza,  dove gli appartamenti sono al piano superiore e la fabbrica al piano inferiore,  qui realizza alcune delle carte da parati più sottili e lussuose mai ideate.   Nel 1783  
gli fu concesso il permesso di usare il titolo di Manufacture Royale. 
Nel suo giardino a Folie Titon salirà che la prima mongolfiera dei fratelli Mongolfier, decorata con una speciale carta da parati ideata dallo stesso Réveillon. Un secondo pallone, chiamato Le Réveillon,  decorato con un gallo, un'anatra e una pecora fu lanciato una settimana dopo a Versailles. 
 
Fu però Louis-Nicolas Robert, nel 1799 a brevettare la macchina per produrre la carta in lunghezza. Questa capacità offriva la prospettiva di nuovi progetti e tinte che all'epoca venivano ampiamente esposte nei salotti di tutta Europa.   
 
1748 British Ambassador Paris
Riproduzione della carta da parati blu dell' ambasciatore britannico 1748
 
 
UNA LUNGA STORIA
Per chi crede che le pareti con carta da parati siano un idea nuova, può essere incredibile pensare che  invece ha una lunga storia con personalità famose. I due nomi di spicco più recenti, legati alla carta da parati, sono  William Morris e Laura Ashley. 
 
William Morris fu tra i principali fondatori del movimento delle Arts and Crafts, considerato antesignano dei moderni designer.  Nel 1861 fondò l'azienda Morris, Marshall, Faulkner & Co. incoraggiando l'artigianato  tradizionale come la pittura su vetro e su carta da parati. Morris 
riconobbe l'importanza della carta da parati quando lo consigliò durante una delle sue lezioni.
I motivi da lui creati sono tuttora sotto copyright. 
 
Laura Ashley era una designer britannica che ha fondato l'ononimo impero internazionale di tessuti,  bbigliamento e carte da parati a metà degli anni '50 diventando ben presto una icona grazie alla sua genialità e creatività, protagonista di un look confortevole, fresco, con uno stile country  ricercato ed elegante. 
 
Il credo di questi due primi designers della carta da parati era: 
"Qualunque cosa tu abbia nelle stanze, pensa prima ai muri.  La tua casa è fatta dei tuoi muri e devi fare qualche sacrificio a loro favore".
 
Con l'idustrializzazione, la carta da parati, che all'inizio del diciannovesimo secolo si era affermata come oggetto lussuoso ed elegante, improvvisamente diventa comune, un tipo di decorazione alla portata di tutti, per cui l'imperativo per la classe più abbiente è  cercare nuove linee esclusive, si torna perciò alle carte da parati artigianali, dipinte a mano,  con materiali e soggetti di pregio o strutture e decori complessi.
 
In Italia trova la sua massima espessione negli anni  '60, ed entra in tutte le case come vero elemento per 'amanti' della decorazione degli interni.  Con il tempo, disegni e soggetti mutano, si semplificano e diventano motivi che possono essere stampati in rotolo e tagliati a misura per ricoprire grandi superfici. 
 
 
Negli ultimi anni, molti giovani creativi hanno riscoperto la tappezzeria murale come mezzo per ricreare o esplorare aspetti dell'identità degli spazi abitativi. Andando a cercare le poche risolrse rimaste, dentro musei e gallerie d'arte, hanno scelto di progettare e realizzare carte da parati anche attingendo all'arte del gobelin. 
 
Purtroppo non molto è rimasto, perchè la raccolta e la conservazione di documenti storici, è iniziata da poco. Inevitabilmente, le collezioni museali e le carte conservate nei grandi palazzi sono quelli che è supavvissuto. Uno dei musei  italiani  più rappresentativi è il  Museo del Tessuto e della Tappezzeria "Vittorio Zironi"  Via di Casaglia, 3  Bologna.  
 
 
 
LA CARTA DA PARATI OGGI
Oggi la produzione di macchinari industriali velocizza e ottimizza i processi di produzione, ma il fascino e l’allure che regala è rimasto come allora. Anzi, con la stampa digitale, la carta da parati è tornata ad esprimersi con grandi disegni, riappropriandosi dello spazio come elemento aperto, che lascia libertà ad ogni fantasia. La stampa digitale cancella il limite tecnico della larghezza, dovuto alla stampa meccanica e permette di poter sviluppare grandi disegni su grandi formati, anche  in un solo unico pezzo,  aprendo di nuovo le  porte alla carta da parati personalizzata, esclusiva e unicaOggi la tappezzeria murale, diventa più che mai un rivestimento che offre scelta illimitata.
 
Le tecnologie hanno fatto un notevole balzo in avanti. Si sono sviluppate una varietà immensa di tipologie: vinilica, tnt, fibra di vetro, espansa,  con lavorazioni particolari e strutture in rilievo, decori a registro, glitter,  trattamenti artigianali  come  il tipping, wash-coating,  raclature,  e caratteristiche tecniche tipo tappezzerie con potere coibentante, fonoassorbente, che si smacchia ad alcool, ma anche  carte da parati materiche in paglia, cotone, seta, viscosa oppure molto tecnologicche e resistenti, per ambienti dove le sollecitazioni sono intense. Davvero una varietà infinita, CARTA DA PARATI | Geometrica con pattern piccoli e grandi, con rombi, cerchi, quarati... CARTA DA PARATI | Damasco Classy e Glamour anche per gli arredamenti moderni, per crare piacevoli contrasti, fino ai CARTA DA PARATI | Effetto 3D.
 
Una infinità di possibilità per poter inventare l'atmosfera d'ambiente, sia per la casa che per i luoghi di lavoro.  Si, perchè la carta da parati è un'ottima soluzione per gli hotel, uffici, negozi, bar e ambienti dove ci cerca un design d'interni piacevole. Esisotono infatti molte carte da parati con certificazione antifiamma.
 
 
TECNICHE DI STAMPA
Le tecniche di stampa su carta da parati comprendono: la stampa rotocalco, la serigrafia, la stampa rotativa e la stampa digitale.
 
 
carta_da_parati_damascata
Carta da parati moderna con disegno damascato
 
 
Carta da parati effetto gesso
Carta da parati stampa  digitale effetto gesso
 
Campa Bubble 1000
Carta da parati bubble
 
cloe 5
Carta da parati effetto tessuto
 
got 13
Carta da parati Gotham
 
 
 
 
 
logo footer  NANNI GIANCARLO & C.

 Via Loredano Bizzarri 1 a\b
Zona Ind. Bargellino
40012 Calderara di Reno (BO)
TEL. (+39) 051.728832
FAX (+39) 051.727063 
 
P.IVA 01630431201
C.F.   04175810375
© Tutti i diritti riservati 

ORARI


Dal Lunedì al Venerdì:
08.30–12:30 
14.00–18:00
Sabato e Domenica: chiuso
Domande? Scrivete una mail
 email ico
Rispondiamo velocemente a richieste tecniche e commerciali

LINK UTILI


 facebook logo gray 54c59d48eba43009276a01bf5d81e302
  
Archiproducts - the worldwide source for arcitecture and design products
edilportale

 

 

MAPPA

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.