COPRIRE I PAVIMENTI
Ristrutturare gli edifici, spesso comporta anche dover cambiare pavimentoperchè  quello esistente è vecchio, non piace oppure è rovinato.  Una volta presa la decisione di cambiarlo però, occorre valutare se demolire o ricoprire.  Non è una scelta sempre facile, perchè quando si decide di cambiare pavimento, iniziano anche le preoccupazioni per i costi e le problematiche da affrontare, per lo smaltimento dei materiali di risulta e altri aspetti pratici che complicano l'operazione. In particolar modo se la ristrutturazione si effettua dove gli spazi per la logistica sono limitati.
 
Esistono  soluzioni che permettono  di creare un pavimento nuovo, senza demolire quello vecchio, velocizzando le procedure e risparmianto. Rivestire un vecchio pavimento senza togliere quello vecchio, si può fare ed è anche un operazione piuttosto facile.  La scelta di rivestire il pavimento può anche non essere  strettamente legata ad un ristrutturazione,  per esempio è il caso  di un immobile in affitto o appena acquistato, dove il pavimento non rispecchia i  gusti dei nuovi inquilini o del progetto d'arredo che si vuole realizzare.
Vediamo come si può ricoprire un vecchio pavimento senza demolire:
 
E' possibile scegliere tra vari materiali ed è utile anche capire se si vuole incollare il nuovo pavimento sopra quello vecchio,  oppure appoggiarlo sopra.  Sono due sistemi diversi ed entrambe le soluzioni sono valide.  Per scegliere se incollarlo oppure appoggiarlo, dobbiamo sapere le differenze tra pavimenti da incollo e pavimenti flottanti.   Sui primi c'è poco da dire in quanto è chiaro che vengono incollati  sui vecchi pavimenti, mentre i pavimenti flottanti hanno un sistema ad incastro che permette di montarli senza l'utilizzo della colla. I vari elementi che formano il pavimento flottante, vengono assemblati tra loro come i pezzi di un puzzle ed è il sistema ad incastro che rende compatta la pavimentazione, per cui la qualità dell'incastro è molto importante.  I pavimenti flottanti ad incastro, non vanno mai posati senza l'apposito materassino, da interporre tra il vecchio pavimento e quello nuovo. 
 
 
Le materie prime sono:
  • LAMINATO
  • LEGNO
  • PVC
I sistemi di posa:
  • Mediante collante
  • Flottante con incastri a clic
 
A metà degli anni '90 il settore dei pavimenti si è completamente risoluzionato e sul mercato hanno iniziato a comparire i cosidetti "pavimenti flottanti" .  Prima solo come parquet in legno, fabbricati nei paesi nordici, poi l'idea si è sviluppata e la  tecnologia ha sfornato innovazioni sempre più veloci, applicando la medesima idea anche ad altri materiali. Successivamente al parquet sono comparsi i pavimenti in laminato e in pvc d'arredo denominati LVT che stanno rivoluzionando anche il settore dei pavimenti vinilici.  Il medesimo supporto e utilizzato anche per i pavimenti in sughero, in pelle e in linoleum.   Essendo pavimenti che si appoggiano, sono liberi di respirare e si possono posare anche su vecchie ceramiche. Ovviamente se la ceramica è rovinata si dovrà prima livellare, ma è sufficiente un buon prodotto che chiuda gli eventuali buchi o appiani i dislivelli e poi si può coprire il vecchio pavimento con uno nuovo. 
 
Attualmente  ci sono molte soluzioni che permettono di coprire un vecchio pavimento senza disfarlo, limitando molto gli inconvenienti dovuti al ripristino edilizio. Non è più necessario procedere con smantellamento, con tempistiche lunghe per il ripristino, problemi di smaltimento, costi di lavorazione elevati... per questo ripistinare i vecchi pavimenti con una di queste soluzioni da soprapporre,  è una scelta che stà  avendo un grande successo.  Soprattutto perchè si tratta di pavimenti con spessori  anchemolti sottili, per cui molto funzionali perricoprire le vecchie pavimentazioni. 
  
 

 

PAVIMENTI IN LAMINATO
Sostanzialmente sono pavimenti di legno, senza essere veri parquet, in quanto la superficie  è costituita da una lamina di materiale molto più resistente del legno e con proprerià antibatteriche.  I pavimenti in laminatohanno lo strato di superficie in materiale melamminico o laminato e lo strato intermedio è in fibra di legno pressata,  chiamata HDF  (acronimo che sta per High Density Fibreboard),  impregnata di resine termoindurenti,  che rendono il pavimento capace di avere una buona resistenza ai colpi.  I decori sono stampati e poi  trattati con una pellicola trasparente chiamata Overlay, che può essere  liscia oppure goffrata e dare un aspetto più o meno realistico al pavimento. I decori sono soprattutto ad imitazione del parquet, ma non mancano anche gli effetti pietra, metallo o cemento.   I pavimenti in laminato più realistici e belli da vedere, cioè il top di gamma, sono quelli che hanno la superficie con effetto 3D, chiamata anche superficie a poro aperto o sincronizzata, come ad esempio Parkover SRPlus.  
 
POSA DEI PAVIMENTI IN LAMINATO
Nascono esclusivamente come pavimenti a posa flottante. In alcuni casi  possono essere incollati mediante collante bicomponente, sapendo però che non vengono prodotti per questa tipologia di posa e perdono la classificazione di reazione al fuoco,  che non è richiesta nelle abitazioni private, ma è indispensabile per l'uso professionale in ambienti con accesso al pubblico.
 
SPESSORI DEI PAVIMENTI IN LAMINATO
Gli spessori dei pavimenti in laminato vanno da un minimo di 7 mm. fino a 12 mm. ai quali si devono aggiungere 3 mm. di materassino, arrivando quindi a 1 cm. o massimo 1,5 cm. 
 
RESISTENZA DEI PAVIMENTI IN LAMINATO
Per la classificazione di resistenza all'abrasione e calpestio,  occorre controllare la scheda tecnica, sapendo che le classi di resistenza all'abrasione vanno dalla più bassa AC2 (resistenza minima) alla più alta AC6 (massima resistenza).  Si può definire una buona resistenza la classe AC4, ottima AC5, il top AC6. Classi inferiori sono destinate a pavimentazioni provvisorie. Per avere maggiori informazioni Pavimenti in Laminato
 
Hader4
Pavimento in laminato effetto legno  -   maggiori informazioni su www.parkover.it
 
 
 
PAVIMENTI IN LEGNO PREFINITI
Sono parquet che vengono lavorati e finiti in fabbrica e vengono dotati di incastri, per cui sono già  pronti per essere posati senza doverli incollare, verniciare e rifinire. Differiscono dai parquet tradizionali proprio per questa loro particolarità. Una volta per fare un pavimento in legno occorreva incollare le tavole o inchiodarle, poi il professionista doveva levigarle e verniciarle in loco, ragione per cui quando si sceglieva un pavimento in legno,  doveva essere per sempre,  perchè la lavorazione era talmente artigianale e lunga, da dover durare per generazioni. Per levigare e riverniciare un pavimento in legno, si crea molta polvere e molti disagi, per cui si attendeva che la casa passasse di mano e  quando si svuotava, si poteva ripristinare il parquet,  di generazione in generazione.  I pavimenti in legno incollati potevano creare problemi di fessurazioni o rigonfiamenti, causati da umidità o movimenti strutturali. Questa è una delle ragioni principali per cui i Paesi nordici hanno cominciato a produrre parquet prefiniti flottanti
 
POSA DEI PAVIMENTI PREFINITI FLOTTANTI IN LEGNO
Nascono come pavimenti a posa flottante, ma generalmente è possibile posarli anche incollati. Esistono anche  parquet prefiniti che nascono appositamente per la posa incollata,  le tavole non sono dotate di incastri, ma hanno tutti i vantaggi d'essere già pronti per il montaggio, levigati e verniciati in fabbrica. 
 
SPESSORI DEI PAVIMENTI IN LEGNO
Gli spessori dei parquet in legno sono mediamente da 13 a 15 mm.  + lo spessore del materassino da 3 mm.
Esistono anche pavimenti in legno in spessori inferiori con strato di legno nobile più basso di 2 mm., che non permettono d'essere levigati in futuro, mancanza che è compensata dal costo inferiore d'acquisto. 
 
RESISTENZA DEI PAVIMENTI IN LEGNO
Certamente la resistenza ai colpi e ai graffi non è una qualità dei pavimenti in legno, però è utile sapere che molto dipende dalla essenza del legno e dalla struttura del parquet.  Doi contro è vero che la caratteristica del parquet è proprio quello d'avere un aria vissuta. Non tutti i legni hanno i medesimi comportamenti, ogni essenza ha un suo carattere e un suo grado di durezza, che è influenzato anche dalla stagionatura e dai trattamenti, quindi è utile conoscere la "storia" del parquet.  Il legno di rovere per esempio ha una buona resistenza e un comportamento molto stabile, ragione per cui è l'essenza che noi preferiamo rispetto ai legni esotici, anche perchè essendo autoctona ha memoria del nostro ambiente e si adatta bene al nostro clima.
 
Rovere Naturale classico stretta
Pavimento in legno di rovere colore naturale  -   maggiori informazioni su  www.werolegno.it
 
 
PVC - LVT
Sono pavimenti plastici che possono essere utilizzati sia per essere incollati che posati flottanti.   Comunemente vengono chiamati pavimenti in pvc d'arredo oppure LVT che è l'acronimo di "Luxury Vinyl Tile"  tradotto in italiano sarebbe piastrelle viniliche di lusso. Il formato  può essere in piastrella o a plancia che riproduce il parquet.  I decori sono ad alta definizione e i dettagli vengono curati in modo particolare. Goffrature, superfici a registro, effetti sbiancati o similpietra e similmetallo rendono la pavimentazione in LVT molto piacevole, con un alto potere arredativo.  Un aspetto molto importante è che lo spessore è molto contenuto,  parte da 1,80 mm. fino a 6 mm. per cui è perfetto per coprire un vecchio pavimento senza demonire l'esistente e senza dover fare opere particolari per livellare le quote o segare le porte.   Esistono varie tipologie di LVT, quello da incollare  e quello da posare con incastro, senza l'uso della colla. La differenza tra i due sistemi di posa è che incollato è molto più stabile e con uno spessore molto ridotto (max 2 mm.) per la versione da appoggio lo spessore si alza.
 
POSA DEI PAVIMENTI IN  PVC D'ARREDO - LVT
Permettono entrambe le pose, sia flottante che a colla, secondo la tipologia.  Alcuni prodotto come Fusion XL  vengono fabbricati con lo stesso decoro in entrambi i sistemi di posa. Per cui è possibile mantenere lo stesso decoro differenziando se flottante o incollato. Questo è utile per esempio dove si vuole avere il pavimento uguale al rivestimento da parete, nei bagni e negli arredi integrati.
 
SPESSORI DEI PAVIMENTI IN PVC - LVT
Gli spessori  vanno da un minimo di 1,80 mm. fino a 6 mm. circa, secondo la tipologia di posa.
Posa incollata - spessori di 1,80 - 2 mm. + la colla
Posa flottante - spessori da 5 a 6 mm. + materassino sottopavimento da 2 mm. 
 
RESISTENZA DEI PAVIMENTI IN PVC - LVT
I pavimenti in PVC non sono un concetto nuovo, nel settore professionale vengono utilizzati da moltissimo tempo. Fino a pochi anni fa però era ritenuto un pavimento molto tecnico e poco arredativo. Con l'avvento del nuovi LVT i pavimenti vinilici si sono aperti una nicchia anche tra i  pavimenti d'arredo e design, di contro però sono comparsi sul mercato un infinità di proposte, che possono confondere. Per capire il comportamento e  la classe di resistenza di un pavimento in PVC è indispensabile leggere la scheda tecnica, in particolare la classe di utilizzo, il grado di solidità alla luce e la stabilità dimensionale secondo la normativa europea ISO 2399 che non dovebbe essere maggiore di 0,20 % il dato della stabilità dimensionale è  molto importante se il pavimento in PVC viene posato flottante e non incollato.
 
Hader1
Pavimento in pvc d'arredo colore brown  -   maggiori informazioni su  www.fusionxl.it
 
 
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
RISPONDIAMO VELOCEMENTE ALLE VOSTRE RICHIESTE
TECNICHE E COMMERCIALI,  ANCHE PER Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Forse può interessare leggere anche:
logo footer  NANNI GIANCARLO & C.

 Via Loredano Bizzarri 1 a\b
Zona Ind. Bargellino
40012 Calderara di Reno (BO)
TEL. (+39) 051.728832
FAX (+39) 051.727063 
 
P.IVA 01630431201
C.F.   04175810375
© Tutti i diritti riservati 

ORARI


Dal Lunedì al Venerdì:
08.30–12:30 
14.00–18:00
Sabato e Domenica: chiuso
Domande? Scrivete una mail
 email ico
Rispondiamo velocemente a richieste tecniche e commerciali

MAPPA

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.