DETRAZIONI FISCALI: PAVIMENTI INTERNI ed ESTERNI
La proroga 2017 degli sgravi fiscali, hanno ridato slancio alle ristrutturazioni. Piccoli o grandi che siano gli interventi, le domande e le perplessità sono tante, sopratutto in relazione alle pavimentazioni. Una delle domande che spesso ci sentiamo rivolgere è: "Il rifacimento del pavimento gode delle detrazioni fiscali?"   e ancora: "E' possibile detrarre il prato sintetico?".   
La risposta è: dipende. Per capire se la spesa è amessa oppure no, dobbiamo fare alcune distinzioni. 
Cerchiamo di capire meglio....  prima di tutto parliamo di:
  • Pavimento interno o Pavimento esterno?
  • Pavimento di condominio o Pavimento di unità abitativa?  

Bisogna infatti distinguere, di volta in volta, dove vogliamo eseguire l'intervento e in quale tipologia di immobile, perchè la legge prevede delle differenze. Affrontiamo la prima domanda: "Il rifacimento del pavimento gode delle detrazioni fiscali"? 

RISTRUTTURAZIONE DEI PAVIMENTI INTERNI
 

interno gc


PAVIMENTI INTERNI
La riparazione e\o sostituzione dei pavimenti interni è ammessa solo per i condomini.
Per le singole unità abitative, possono essere all'interno di una ristrutturazione o di una manutenzione straordinaria. 
 
 
 
condominio
PAVIMENTO INTERNO DI CONDOMINIO
La semplice riparazione o il rifacimento di una pavimentazione interna condominiale è sempre detraibile.  E' detraibile anche il rifacimento con materiali diversi,  la cosa importante è conservare  la stessa posizione del pavimento preesistente.  Rientrano nelle agevolazioni  le spese di fornitura, la posa in opera,  la rimozione del vecchio pavimento e anche  l'eventuale ripristino del sottofondo. Sempre e solo per i condomini, anche le spese di riparazione di scale, ingressi e corridoi sono comprese.
 
ristrutturazione pavimento di singola abitazione
PAVIMENTO INTERNO DI SINGOLA ABITAZIONE
Per le singole unità abitative private, le spese sostenute per il solo rifacimento del pavimento, non rientrano nelle agevolazioni. Per  poterle includere negli sgravi fiscali, devono fare parte di un pacchetto ed essere contenute in una delle tante spese ammesse nelle agevolazioni. Cioè, se si è costretti a rifare il pavimento per eseguire un intervento che è incluso nelle agevolazioni, automaticamente anche il pavimento ne fa parte, il tutto deve essere classificato come manutenzione straordinaria o ristrutturazione.  E' anche possibile far rientrare il rifacimento del pavimento all'interno di un pacchetto che prevede la detrazione sul risparmio energetico, se per  fare l'intervento di risparmio energetico si è costretti a rifare il pavimento.  
 
In definitiva, è possibile dedurre le spese di pavimentazione, solo se le stesse fanno parte integrante di un intervento ammesso negli sgravi fiscali. In molti casi è utile prendere in considerazione l'utilizzo di una pavimentazione flottante ad  incastro,  in legno, laminato e pvc che permetterà di avere in poco tempo un pavimento nuovo e funzionale. Sarà anche più facile includerlo nelle spese, per varie ragioni;  il parquet in legno o laminato sono materiali coibentanti in modo naturale, per cui si può richiedere al tecnico di calcolare il risparmio energetico utilizzando questi pavimenti. per quanto riguarda la praticità, se è necessario spostare un muro per eseguire una ristrutturazione, sarà facile ricoprire il pavimento vecchio con uno nuovo  a posa flottante oppure anche con un pvc incollato, in quanto tutti e tre sono a basso spessore.   I pavimenti in pvc - lvt  partono da un minimo di 1,8\2 mm. per cui non è necessario neppure piallare le porte. I pavimenti in laminato a posa flottante hanno uno spessore di 8 millimetri o 1 centrimento al massimo, ed essendo pavimenti che non necessitano di essere incollati, si possono appoggiare al vecchio pavimento senza dover eseguire demolizioni e  onerosi smaltimenti;  un vantaggio notevole! .
 
Se l'obbiettivo è di rifare il pavimento facendolo rientrare all'interno di interventi di ristrutturazione, e si vuole ottenere la massima resa estetica e tecnica, la scelta di un buon pavimento in laminato, con una resistenza AC6 e con l'effetto legno più innovativo attualmente sul mercato (poro aperto),  potrà essere vincente sotto molti aspetti.  Parkover J o Parkover SRplus  sono pavimenti in grado di dare grandi e durature soddisfazioni in ogni ristrutturazione.
 
Se invece si vuole optare per un pavimento vinilico, sicuro anche sotto il profilo della salute, allora la scelta giusta potrà essere  Fusion XL ; pavimenti in PVC in tre versioni, fabbricati in Europa con metodi all'avanguardia e in linea con le direttive Europee. I pavimenti Fusion XL pongono una particolare attenzione alle materie prime utilizzate, per evitare contaminazioni e emissioni di VOC.   Per la  produzione dei pavimenti Fusion XL vengono utilizzati solo materiali vergini, con plastificanti che non rilasciano emissioni dannose,  e anche per questa ragione sono classificati A+
 
 
 
 
 
 

 


esterno gcPAVIMENTI ESTERNI
Le pavimentazione esterne,  sono ammesse nei seguenti casi: 
Per le singole unità abitative: Nuova pavimentazione o sostituzione della preesistente modificando la superficie e i materiali
Per gli spazi esterni condominiali:  Rifacimento con dimensioni e materiali uguali a quelli preesistenti
 

condominio esterno

PAVIMENTO ESTERNO DI CONDOMINIO
Dato che sono ammesse le spese soltanto in caso che il pavimento venga sostituito con un'altro pavimento nuovo, che abbia stesse dimensioni e  lo stesso materiale del precedente, ne consegue che le spese per il rifacimento di un pavimento in prato sintetico per uso condominiale, è ammissibile agli sgravi fiscali, solo se precedentemente il condominio aveva già un'altro pavimento in erba sintetica. Stessa identica cosa se il pavimento era in gomma. In poche parole è amesso soltanto il rifacimento con lo stesso materiale. 
 
esterno abitazione
PAVIMENTO ESTERNO DI SINGOLA UNITA' ABITATIVA
Sono detaibili tutte le nuove pavimentazioni, eseguite dove prima non erano presenti. Quindi anche la pavimentazione in prato sintetico o in gomma, comprese anche le mattonelle antitrauma, in tutte le zone dove precedentemente era inesistente una qualsiasi pavimentazione.  E' il tipico caso del giardino. E' possibile pavimentare il giardino con il prato sintetico o con le mattonelle autoposanti in gomma e godere degli sgravi fiscali sulle ristrutturazioni al 50%.  Si può godere dello sgravio fiscale se si vuole trasformare il bordo piscina, passando dal terreno alla pavimentazione.
 
Se invece esiste già un pavimento e si vuole sostituirlo, allora  occorre necessariamente modificare forma, superficie  e materiali.  Possiamo fare l'esempio di un portico con vecchie mattonelle, che si vogliono demolire e sostituire con il prato sintetico per  trasformare lo spazio in un giardino. Questa puo' essere anche l'occasione perfetta per trasformare la terrazza in un giardino pensile. 
 
Se invece si vuole sostituire il pavimento esterno mantenendo materiali e forma esistenti, allora è necessario che l'intervento sia motivato da opere detraibili; se per rifare un vecchio impianto idrico che nel terreno che è sotto il prato sintetico e per poter rifare l'impianto devo necessariamente demolire il prato sintetico esistente, allora posso intervenire rifacendolo.  
 
 
 
 
Per una maggiore e più dettagliata informazione apri la GUIDA
Guida Ristrutturazioni edilizie
 
 
 
Per la seconda domanda: "E' possibile detrarre il prato sintetico"?   Essendo il prato sintetico una pavimentazione, rientra in quanto suddetto relativamente ai pavimenti esterni.  Lo ricordiamo: nelle singole unità abitative, la pavimentazione esterna  è ammessa  se si tratta di una nuova pavimentazione oppure se si sostituisce una vecchia pavimentazione modificando la superficie e i materiali.  Per gli spazi esterni di condomini è amesso il r
ifacimento con dimensioni e materiali uguali a quelli preesistenti.
 
In tutti gli altri casi, per rientrare nelle agevolazioni, il pavimento deve far parte di un opera più vasta, ed essere incluso all'interno di un intervento ammesso. Deve perciò risultare la necessità di intervenire anche sul pavimento per poter eseguire l'opera ammessa in detrazione. 
 
header 1
 
 
 
TRASFORMARE IL TERRAZZO IN GIARDINO: GLI INCENTIVI FISCALI
gia peensile 1
 
 
Si, è possiible trasformare la terrazza in un giardino pensile e godere delle agevolazioni fiscali. Ma è possibile anche riqualificare un giardino condominale abbandonato,  creare un prato all'esterno di un attico, sul tetto. Pavimentare il bordo piscina, un portico grezzo, un area esterna dimenticata e inutilizzata. E' possiible anche creare zone gioco per i bambini posando mattonelle di gomma antitrauma...  a parte l’opportunità fiscale,  la nuova pavimentazione aiuterà anche l’isolamento termico (con una relativa diminuzione dei consumi energetici) e assorbirà i rumori. 
 
pensile 2Riqualificare l’edificio così diventerà facile e conveniente, in un ottica di arredo che aumenta di valore dell'immobile. Può essere il caso di un terrazzo dove il vecchio pavimento è uno strato impermeabilizzante  malmesso, che presenta irregolarità e fenditure.  Si procede al ripristino e poi alla pavimentazione mediante prato sintetico. L'aspetto sarà fantastico e il risultato estetico ottimo.  Facciamo anche il caso di un tetto piatto privo di pavimentazione... si potrà prevedere una zona pavimentata con prato sintetico e una zona con mattonelle di gomma per far giocare i bambini in tutta tranquillità e poter godere di uno spazio in più nella casa che prima era inutilizzato.
 
Di solito chi trasforma il terrazzo in giardino,  utilizza l’erba sintetica  perchè è più semplice anche come manutenzione. Il prato sintetico è un pavimento resistente ai raggi UV. ed è drenante, per cui l'acqua piovana defluisce. Il tutto deve comunque essere sistemato in modo da consentire alle acque meteoriche di defluire.  Eventuali vsi con piante e fiori possono essere sistemati sopra, per dare ancora più in senso del giardino pensile.  Se il terrazzo lo permette in dimensioni, la sistemazione di un arredo da esterno di gusto, potrà trasformare il tutto in un ambiente molto accogliente e innovativo. 
Non solo i lastrici solari, i tetti e i terrazzi possono trasformarsi ed essere riqualificati con il prato sintetico, praticamente ogni aona esterna può essere pavimentata con il prato sintetico e  diventare un’oasi verde.
 
 
 tetto 1

 
pensile 3
 
Consigliamo di leggere la Guida dell'Agenzia delle Entrate sulle ristrutturazioni edilizie e parlarne con il tecnico che segue le pratiche, per trovare il modo migliore di affrontare l'esecuzione di una nuova pavimentazione, di una sostituzione o il rifacimento di un vecchio pavimento.
 
 
PRODOTTI
 
 
Forse può interessare anche approfondire le guide su:
Nuovo bonus fiscale al 65% per hotel a strutture ricettive
 
 
logo footer  NANNI GIANCARLO & C.

 Via Loredano Bizzarri 1 a\b
Zona Ind. Bargellino
40012 Calderara di Reno (BO)
TEL. (+39) 051.728832
FAX (+39) 051.727063 
 
P.IVA 01630431201
C.F.   04175810375
© Tutti i diritti riservati 

ORARI


Dal Lunedì al Venerdì:
08.30–12:30 
14.00–18:00
Sabato e Domenica: chiuso
Domande? Scrivete una mail
 email ico
Rispondiamo velocemente a richieste tecniche e commerciali

MAPPA

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.